tel. (+39) 347-2490185    e-mail: info@federicus.it   Altamura, BA - Italy

La festa in omaggio a Federico

La prima edizione di Federicus, svoltasi nell’aprile 2012, ha portato lungo le vie di Altamura un “respiro” nuovo, la voglia di partecipazione per far crescere l’evento.

Il gruppo FORTIS MURGIA ed il GAL TERRE di MURGIA hanno colto questi segnali e sin dal luglio scorso hanno dato vita a gruppi di lavoro di volontari, che si sono occupati dell’organizzazione dell’evento del 2013. Grafici, costumisti, attori, coreografi, consulenti storici e musicali, coordinati dal regista, Antonello Arpaia, hanno dato vita ad una squadra imponente che si è occupata di arredo urbano, logistica, costumi, attività ludiche, servizi ristoro, ospitalità, turismo, cultura, storia.

Il tema della seconda edizione della festa federiciana “ Federico II di Svevia ed il rispetto interetnico” sarà il filo conduttore degli eventi previsti dal ricco programma: la tavola rotonda, la conferenza con l’intervento della Prof.ssa Maria Giovanna Stasolla, Professore associato di Storia dei Paesi Islamici dell’Università Tor Vergata, la premiazione degli alunni che hanno partecipato al concorso sul tema dell’anno con la produzione di elaborati scritti e prodotti grafici, pittorici, plastici e multimediali.

Seguiranno la presentazione di un libro destinato ai bambini della Scuola dell’infanzia e primaria, momenti ”creativi”, come il Palio di San Marco, ove prevale l’aspetto ludico che va oltre l’epoca federiciana, all’interno di un programma per rendere la manifestazione “appetibile” al di fuori delle “mura”. Le varie mostre completeranno il programma.


FEDERICUS, ancora una volta, è finalizzato a richiamare l’interesse sulla nostra città da parte di visitatori e turisti, che avranno occasione di soffermarsi nel nostro centro murgiano per portare poi via con sé, oltre ai prodotti tipici, un po’ di storia e di cultura.

La città, nel suo insieme, è chiamata a vivere un momento di aggregazione, in cui ogni cittadino si senta protagonista e dia il suo piccolo ma importante contributo.

La quinta edizione

Con la quinta edizione di FEDERICUS si conclude il ciclo tematico << Fede, laicita’ Superstizione>>.   Nel corso del triennio decorso abbiamo tentato di ricostruire, aiutati dalla fantasia, segmenti o elementi della citta’ medievale cancellati dal tempo. La edizione 2016   sara’ ricordata per la ricostruzione della porta che si apre su piazza Resistenza e conclude corso Federico II. Nel Medioevo fu detta “Porta Montiorum”, posizionata a Sud in direzione Appennini lucani e della via Appia.Originariamente aveva la forma di un arco, sormontato da una costruzione.   Nel XIII secolo tutto il pianoro fuori la porta prendeva il nome di “planitio Sancti Marci” dalla cappella di San Marco extra moenia ove si svolgeva una fiera, che divenne famosa e per molti anni fu frequentata dai mercanti di tutte le regioni del Regno di Napoli.

A Piazza Matteotti, invece, saranno realizzate   torri e tracce di muro   in ricordo della cinta dell’antico castello che dovrebbe risalire all’epoca normanna, ossia prima dell’arrivo di Federico II di Svevia e della costruzione della cattedrale della Cattedrale dell’Assunta

Da una pianta degli inizi del XVIII secolo, realizzata dall’architetto Donato Giannuzzi, si evince che il Castello e i suoi cortili occupavano un’area rettangolare di m. 67 per m. 55 con uno dei suoi lati maggiori coincidente alla misura del lato più esteso del corpo edificato che si affaccia lungo l’attuale via Santa Teresa.
Il sottosuolo conserva ancora le tracce delle sua fondamenta.

Piazza San Giovanni sarà animata dai i più piccoli che saranno ospitati in laboratori e giochi. vestiti in costumi medievali alla scoperta delle arti e dei mestieri di un’epoca ormai lontana. Un viaggio nel tempo, sulla groppa del cavalluccio di legno per compenetrarsi nell’atmosfera della ricostruzione di un prezioso foglio di carta secondo la tradizione degli antichi cartai. Oppure, con un pennello per stendere colori naturali nei contorni dei profili di dame e cavalieri

La sesta edizione

L’edizione 2017 di Federicus apre un nuovo triennio di progetti, iniziative, rievocazioni. La scelta del tema è stata ispirata da un verso del XIV canto del Purgatorio di Dante in cui il poeta rimpiange  Le DONNE  e ‘ CAVALIER, li  AFFANNI  e li  AGI di un mondo, ormai sulla via del tramonto, fatto di  amore, gentilezza, coraggio e cortesia.
Questo è l’anno de Le DONNE e ‘ CAVALIER : raccontare l’amor “fino” significa addentrarsi in uno dei temi più vivi del Medioevo. La società cortese fu la risposta laica al dominio culturale della Chiesa attraverso un nuovo modo di concepire valori e ideali.
La figura del cavaliere incarna non più e non soltanto virtù militari e guerresche come la prodezza, l’onore e la fedeltà, ma anche virtù civili quali liberalità, magnanimità e misura. La nobiltà è quella del cuore e non del sangue.
La donna diventa il simbolo e il soggetto intorno a cui ruota questo nuovo sistema, la fonte da cui dipartono e si originano i comportamenti più alti e gentili.
Rime, narrazioni, riti, cerimonie di investitura, feste, giostre e tornei, giardini incantati, amori languidi e segreti animeranno per tre giorni la festa medievale altamurana riportandoci indietro al tempo di quei nobili ideali.